La messa a terra dei caccia JF-17 cinesi

(di Tiziano Ciocchetti)
15/12/22

Il JF-17, sviluppato dalla Cina (e propulso da un motore turbofan di fabbricazione russa RD-93), è il caccia leggero multiruolo che costituisce la spina dorsale dell’Aeronautica Militare pakistana (PAF). I primi JF-17 sono stati acquisti dalla PAF nel 2010, per un numero complessivo di 137 macchine.

Il caccia cinese avrebbe dovuto essere il successore dell’F-16, acquistato dagli Stati Uniti, tuttavia sembrerebbe che il JF-17 costituisca motivo d’imbarazzo per l’Aviazione di Islamabad, causa i numerosi malfunzionamenti dei motori russi RD-93, quali crepe nelle alette guida del compressore, negli ugelli di scarico e altre gravi criticità strutturali. Tutto ciò nonostante il Nanjing Research Institute of Electronics Technology cinese abbia effettuato numerosi interventi di retrofit dei motori russi.

Secondo l'accordo firmato tra Pechino e Islamabad per il JF-17, il Pakistan è autorizzato a rifornirsi di motori e pezzi di ricambi dalla Russia solo attraverso la mediazione della Cina. Causa i numerosi guasti del caccia cinese, il Pakistan si era rivolto direttamente a Mosca per l'acquisto di nuovi motori RD-93, evitando l’intermediazione della Cina. Sembrerebbe che l'azienda produttrice, la Klimov, sia apparentemente disposta a fornire i motori RD-93, nonché i pezzi di ricambio e la manutenzione, ma le sanzioni statunitensi contro l'agenzia russa per l'esportazione di prodotti per la difesa, la Rosoboronexport, ha causato ulteriori complicazioni alla PAF.

Le sanzioni bloccano la Rosoboronexport dal poter concludere transazioni in dollari. Tuttavia, i governi dei due Paesi e le banche interessate stanno lavorando per trovare una soluzione. Nel frattempo la PAF ha dovuto limitare notevolmente l'operatività del JF-17 a causa della carenza di ricambi e motori.

Per decenni, la crescita della Cina come potenza esportatrice di aerei da combattimento è sembrata inarrestabile.

Sebbene, secondo il database dei trasferimenti di armi dello Stockholm International Peace Research Institute, tra il 2000 e il 2020, la Cina ha esportato velivoli militari per un valore di soli 7,2 miliardi di dollari, i caccia cinesi sono ancora venduti all'interno del loro mercato di riferimento relativamente piccolo. Negli anni '90 dello scorso secolo, i maggiori clienti dei caccia cinesi erano Pakistan, Bangladesh, Myanmar, Corea del Nord e alcuni Paesi africani. Questo vale anche oggi.

Il rapporto del Center for Strategic and International Study ha sottolineato che dal 2010, il 63,4% delle vendite di armi convenzionali della Cina è andato a Pakistan, Bangladesh e Myanmar.

Di recente, Azerbaigian, Sri Lanka e Malesia hanno mostrato il loro interesse come possibili acquirenti del caccia JF-17.

Foto: Clemens Vasters

rheinmetal defence