Il leader supremo Xi

(di Tiziano Ciocchetti)
19/10/22

Xi Jinping ha un curriculum di tutto rispetto all'interno del Partito Comunista cinese ed è noto per la sua modestia. L'attuale leader cinese è visto, sia all'interno che all'esterno, come un politico che ha fatto carriera grazie al silenzio, all'assiduità e all'umiltà. È figlio di Xi Zhongxun, una figura storica del Partito Comunista, che non solo ha svolto un ruolo cruciale nel proteggere Mao Zedong durante la Lunga Marcia, ma ha anche fornito una guida politica per il successo delle riforme economiche promosse da Deng Xiaoping nel Guangdong.

Nel 2012, come successore di Hu Jintao, Xi si è dimostrato l’opposto di Bo Xilai, ex membro del Politburo, che è stato il più attivo nel contestare la sua pretesa alla posizione di leader supremo. Bo si è prodigato nella creazione di un proprio culto della personalità, sconvolgendo alcuni membri del Partito, mentre Xi è sempre stato noto come un attento tecnocrate, formatosi con la durezza della Rivoluzione Culturale.

Bo, il 21 settembre 2013, è stato dichiarato colpevole di corruzione e condannato all'ergastolo, poi confermato in via definitiva il 25 ottobre successivo, tale evento ha aperto la strada a Xi, ovvero a quello che l'Occidente percepisce come un riformatore.

Tuttavia, anche le voci più moderate al di fuori della Cina ritengono che lo Xi del 2022 sia ormai lontano dalla percezione che l'élite politica occidentale aveva di lui dieci anni prima, mentre cerca di assicurarsi un terzo mandato quanto mai controverso.

Nonostante i precedenti errori di valutazione di americani ed europei, Xi presentava solidi motivi di fiducia. La Cina avrebbe dovuto assistere a uno sviluppo vertiginoso, grazie ai modesti ma costanti progressi verso l'apertura politica ed economica. Xi ha raccontato le sue esperienze personali negli Stati Uniti, che ha visitato cinque volte prima di diventare segretario generale del Partito Comunista, partendo dal 1985 come giovane funzionario, e riconfermato più volte fino al 2012.

Tuttavia, quando Xi ha assunto l'incarico di presidente, si è preoccupato più delle difficili circostanze interne, piuttosto che delle partnership politiche e commerciali che Washington credeva avrebbero portato Pechino sulla strada di un fantomatico "riformismo liberale".

È indubbio che la ricchezza ha minato il governo centrale, incoraggiando molte fazioni influenti all'interno del Partito e alimentando diffuse forme di corruzione. Il Partito doveva liberarsi dei quadri corrotti che ne minavano la legittimità, se Xi voleva ripristinare l'unità ed evitare di essere ricordato come un leader relativamente debole.

Questo è esattamente ciò che Xi si è impegnato a fare al momento del suo insediamento e nel corso degli anni successivi lo ha portato a termine, inizialmente facendosi nuovi nemici ma poi sfruttando il successo delle sue iniziative anticorruzione per schiacciare i rivali e assicurare lo sviluppo di una gerarchia di partito incentrata sul culto della sua persona.

Nonostante la sua dedizione al lavoro, le riforme economiche - considerate necessarie per una crescita sostenuta - rallentarono notevolmente nei primi due mandati di Xi. All'inizio del primo mandato molti all'interno del Partito credevano che l'ascesa delle forze di mercato avrebbe segnato la fine del socialismo, postulato dalle opere canoniche di Marx e Mao.

Xi ha deciso deliberatamente di salvaguardare il Partito quando si è trovato di fronte all'opzione di scegliere tra legittimità politica e apertura, vedendo che l'una richiedeva sempre più l'altra.

Attualmente gli osservatori locali e stranieri non dubitano che Xi sarà in grado di mantenere la sua posizione di leader della Cina, probabilmente il leader più importante e significativo dopo Mao. Questo non è certo sconvolgente, soprattutto se si considera che Xi non ha nominato un erede quando si è candidato per la rielezione a segretario generale del Partito Comunista nel 2017. Pochi mesi dopo, all'inizio del 2018, è riuscito a far rimuovere le limitazioni al mandato del presidente previste dalla Costituzione cinese e a far inserire nella Carta nazionale il suo "concetto di socialismo con caratteristiche cinesi per una nuova era".

Sebbene non ci siano dubbi sulla capacità di Xi di governare, il XX Congresso nazionale del Partito Comunista sarà un ottimo banco di prova per alcune questioni che da mesi, se non da anni, sono all'attenzione di molti osservatori: qual è il piano di partenza della Cina per un mondo senza COVID? Come procede la pianificazione della Belt and Road Initiative e i programmi di "prosperità condivisa" di fronte a un'economia interna in declino e a gravi problemi a lungo termine come la crisi degli alloggi e la curva demografica che va nella direzione opposta?

La storia della Cina dimostra anche che le maggiori minacce alla stabilità politica e all'unità territoriale sono i vuoti di potere. Per quanto tempo Xi potrà continuare a regnare senza annunciare il suo erede designato? Come potrà evitare di essere un'anatra zoppa una volta nominato un successore in un momento in cui desidera consolidare la sua eredità?

Le domande sono numerose, ma le risposte ad oggi non sono molte. Le persone scelte per ricoprire le cariche nel Politburo e nel Comitato Permanente, a prescindere dalla loro vicinanza a Xi, potranno forse fornire indicazioni su quanto stretto sarà il suo controllo sul partito e, di conseguenza, su quale sarà il futuro delle relazioni della Cina con il resto del mondo.

Foto: Xinhua

rheinmetal defence