NATO e Cognitive Warfare

(di Alessandro Rugolo)
26/12/22

Già in precedenza abbiamo parlato di Cognitive Warfare e dell'importanza di quello che in alcuni ambienti è considerato come un nuovo dominio della guerra.

Oggi approfondiamo cercando di capire cosa sta facendo la NATO in questo settore.

Chi si occupa di ricerca in ambito NATO è la "Science and Technology Organization" (S&T). 

La S&T conduce attività di studio e ricerca ad ampio spettro, organizzate in sei Technical Panels e un Gruppo di ricerca, in particolare si tratta di: Applied Vehicle Technology (AVT); Human Factors and Medicine (HFM); Information Systems Technology (IST); NATO Modelling and Simulation Group (NMSG); System Analysis and Studies (SAS); Systems Concept and Integration (SCI); Sensors and Electronics Technology (SET).

In particolare, il panel HFM si articola in due sottoaree di ricerca

- Healt, Medicine and Protection (HMP), con lo scopo di studiare le basi scientifiche necessarie per garantire la creazione di Forze operative e in salute, il ristabilimento in salute, minimizzare l'impatto di malattie e ferite, ottimizzando la protezione dell'uomo, la sostenibilità e la sopravvivenza;

- Human Systems and Behaviour (HSB), con lo scopo di studiare le basi scientifiche ed esplorare nuove tecnologie per ottimizzare le performance degli individui, delle squadre e delle organizzazioni e le interazioni con i sistemi socio-tecnologici per raggiungere elevati livelli di efficacia. In quest'area di ricerca si svolgono, tra l'altro, ricerche sulla dimensione cognitiva.

La S&T conduce dunque ricerche mirate a migliorare la conoscenza  nel campo (o dominio) della Cognitive Warfare, considerata come un nuovo campo di battaglia che ha a che fare con la capacità di conoscere e di giudicare dell'uomo, proteggendolo da influenze esterne o influenzandolo a sua volta. La manipolazione della conoscenza e della capacità di comprensione utilizzata per raggiungere un obiettivo strategico.

Come già visto in altri domini o ambienti, l'obiettivo della NATO consiste nel raggiungere la Cognitive Superiority per far ciò occorre studiare attentamente le interazioni tra uomo, gruppi sociali e nuove tecnologie, sia nel campo delle neuroscienze sia nelle tecnologie emergenti come l'Intelligenza Artificiale.

In definitiva la Cognitive Warfare cerca di minare la fiducia in una organizzazione alterando la percezione della società in relazione ad alcuni accadimenti.

Solo una considerazione: indipendentemente che ci si trovi dalla parte dei buoni o dei cattivi, giocare con la conoscenza e con la capacità di giudicare può essere molto pericoloso

L'uomo può essere ingannato ma non è semplice ingannarlo a lungo e può capitare che rendendosi conto di essere oggetto di raggiri continui perda la fiducia in tutte le organizzazioni o istituzioni, senza distinzione di colore o di parte, e ciò potrebbe minare la civile convivenza.

Per approfondire:

NATO Review - Countering cognitive warfare: awareness and resilience

NATO Review - Hybrid Warfare – New Threats, Complexity, and ‘Trust’ as the Antidote

Pages - Panel/Group Page (nato.int)

Mitigating and Responding to Cognitive Warfare | Innovation Hub (innovationhub-act.org)

Foto: NATO Innovation Hub

rheinmetal defence