Scuola tiri in montagna per la brigata alpina Taurinense

(di Stato Maggiore Esercito)
30/05/22

Si è conclusa l’esercitazione “Maurin 22”, svolta a quota 2400 m dai reparti della brigata alpina Taurinense dell’Esercito, che si sono addestrati al tiro con mortai pesanti da 120 mm, con gli obici da 105/14 e - nel quadro del training dei plotoni di fanteria alpina – anche con i mortai da 60mm. Scopo dell’esercitazione è stato quello di consolidare e incrementare le capacità di condurre attività tattiche a fuoco e in bianco in diversi contesti operativi, in fase diurna e notturna, in ambiente montano e in uno scenario con minaccia ibrida.

Organizzata dal 3° reggimento alpini di Pinerolo, la “Maurin 22” ha visto la partecipazione anche del 2° alpini di Cuneo e del 1° artiglieria terrestre (da montagna) di stanza a Fossano che, a rotazione, si sono schierati nell’arco di tre settimane presso il poligono del Col Maurin e hanno ricevuto la visita del comandante delle Truppe Alpine dell’Esercito, generale di corpo d’armata Ignazio Gamba, accompagnato dal generale Nicola Piasente, comandante della Taurinense. Insieme al 3° alpini, si sono addestrati anche i marescialli allievi del Centro Addestramento Alpino di Aosta, alle cui attività ha assistito il generale Marcello Orsi, loro comandante.

Numerosi gli obiettivi conseguiti dall’esercitazione: testare il processo di pianificazione e condotta, standardizzare le procedure operative per la gestione del fuoco di supporto, verificare le capacità di movimento e combattimento in ambiente montano delle minori unità e, infine, rafforzare i legami con il territorio. Per questo motivo, la Fanfara della Taurinense si è esibita a Dronero nel periodo dell’esercitazione, facendo registrare una notevole partecipazione di pubblico, mentre nel Comune di Acceglio la Taurinense ha allestito uno spazio dedicato alla montagna, gestendo – con i propri istruttori – una parete naturale di arrampicata per coinvolgere i più giovani.

Il 32° genio, inoltre, ha operato nel contesto dell’esercitazione con lavori di supporto alla mobilità dei reparti esercitati, provvedendo anche alla manutenzione della strada che conduce al poligono, fruita normalmente anche dalle comunità locali.

rheinmetal defence