I nuovi artificieri dell’Esercito

(di Stato Maggiore Esercito)
10/11/20

Si è concluso, nei giorni scorsi, il 7° corso di qualificazione per operatore CMD (Conventional Munitions Disposal) e BCMD (Biological and Chemical Munitions Disposal), svoltosi presso il Centro di Eccellenza C-IED della brigata genio.

I frequentatori del corso sono stati sottoposti a prove impegnative volte a testare sia la preparazione teorica, sia le capacità raggiunte nell’applicazione di procedure tecniche ad alta valenza specialistica, nell’ambito della gestione di eventi legati alla minaccia da ordigni esplosivi regolamentari, inclusi quelli caricati con aggressivi chimici e biologici da guerra.

Il corso appena concluso, ha visto la partecipazione di operatori provenienti dai reparti genio dell’Esercito Italiano e di altre Forze Armate.

Svolto nel pieno rispetto delle attuali disposizioni in materia di contenimento dell’epidemia da CoViD-19, il corso garantisce ai frequentatori l’acquisizione delle capacità di bonifica operativa di tutti gli ordigni esplosivi convenzionali, sia sul territorio nazionale sia in supporto di unità impiegate in missioni fuori area, di bonifica di 2° grado e di bonifica occasionale del territorio nazionale da ordigni esplosivi residuati bellici (ERW-Explosive Remnants of War), compresi quelli a caricamento con aggressivo biologico/chimico.

Il Centro di Eccellenza C-IED, fiore all’occhiello della Forza Armata, nell’ultimo periodo sta elaborando la riorganizzazione della didattica dei corsi attinenti al settore EOD, di pari passo con l’evoluzione e il riordino del settore, che dal 1998 è in continua trasformazione e aggiornamento, attagliando e implementando le capacità ai moderni scenari operativi.