Celebrato oggi il 362° anniversario della fondazione dei “Granatieri di Sardegna”

(di Stato Maggiore Esercito)
19/04/21

Si è celebrata questa mattina, all’interno della caserma “Gandin”, la Santa Messa in occasione del 362° anniversario della costituzione della specialità dei Granatieri.

La cerimonia eucaristica è stata officiata dal cappellano militare don Pier Luca Bancale, nel pieno rispetto delle normative anti COVID-19. Erano presenti, oltre al comandante della brigata “Granatieri di Sardegna”, gen. b. Liberato Amadio, i comandanti di tutte le unità facenti parte della brigata, accompagnati dai rispettivi sottufficiali di corpo, e il presidente dell’Associazione Nazionale “Granatieri di Sardegna”.

Al termine della funzione religiosa è stata deposta una corona presso il monumento ai Caduti della Caserma. I “Granatieri” che rappresentano la più antica specialità dell’Arma di fanteria dell’Esercito, partecipano e concorrono alle principali missioni nazionali e internazionali in cui la Forza Armata è impegnata.

Oggi, gli uomini e le donne della brigata sono impegnati con il comando del raggruppamento “Lazio e Abruzzo” nell'ambito dell’operazione "Strade Sicure" e forniscono, con il concorso di altri reparti dell’Esercito, circa 1.700 militari in supporto alle Forze dell'Ordine, assicurando una quotidiana presenza sul territorio della Capitale, nel Lazio e in Abruzzo.

Alle molteplici attività operative/addestrative, si aggiungono i servizi presidiari della Capitale e di alta rappresentanza presso le più importanti Istituzioni nazionali. Fedeli alle tradizioni di valore e di prestigio, depositari della più antica tradizione militare dell'Esercito, dal lontano 1659, i "Granatieri di Sardegna" hanno costellato la loro trisecolare storia di atti di eroismo ovunque sono stati impiegati.