Artificieri dell°8 genio guastatori paracadutisti “Folgore” completano le operazioni di bonifica di una bomba d’aereo

(di Stato Maggiore Esercito)
25/04/22

Gli artificieri dell’Esercito Italiano, in forza all’8° reggimento genio guastatori paracadutisti “Folgore”, sono intervenuti in località Cason, nel comune di Montebello Vicentino (VI), per neutralizzare un pericoloso residuato bellico risalente al secondo conflitto mondiale.

L’ordigno, una bomba d’aereo di fabbricazione statunitense dal peso di 500 libbre di esplosivo ad alto potenziale, è stato rinvenuto nel corso dei lavori di scavo per la realizzazione della linea ferroviaria ad alta velocità Verona – Padova e prontamente posto in condizioni di sicurezza da un team di specialisti dell’8° reggimento genio guastatori paracadutisti di Legnago (VR).

Le delicate operazioni di bonifica, coordinate dalla prefettura di Vicenza e dal comando forze operative nord di Padova, sono iniziate domenica 24 aprile alle ore 08:00 a seguito del completamento delle procedure d’evacuazione che hanno interessato oltre 130 cittadini residenti all’interno dell’area di sgombero (468 metri dal luogo di rinvenimento), oltre alla chiusura del traffico ferroviario sulla linea dell’alta velocità Verona – Padova.

Gli artificieri dell’Esercito italiano hanno prima messo in sicurezza l’ordigno, privandolo degli organismi sensibili (spolette), per poi rimuoverlo e trasportarlo presso un’area appositamente individuata nel comune di Alonte (VI) dove è stato fatto brillare in sicurezza.

A garanzia della massima cornice di sicurezza, gli specialisti del genio dell’Esercito Italiano hanno realizzato una struttura di mitigazione degli effetti di una esplosione accidentale progettata appositamente per proteggere gli edifici limitrofi e le infrastrutture ricadenti all’interno della zona dichiarata a rischio.

Quello odierno, per gli artificieri della brigata paracadutisti “Folgore”, è stato il centesimo intervento di bonifica effettuato dall’inizio dell’anno nelle 7 provincie di competenza.

rheinmetal defence