Rio 2016: l’Italia chiude la sua XXXI^ olimpiade con 28 medaglie

(di Anita Fiaschetti)
22/08/16

28 medaglie: 8 ori, 12 argenti e 8 bronzi. Un bel bottino quello dell’Italia che, alle Olimpiadi di Rio, chiude al nono posto. Tecnica, determinazione, carattere e passione; emozioni, delusioni, lacrime e sorrisi: un vortice durato due settimane che ci ha fatto sentire orgogliosi dei nostri ragazzi.

314 gli atleti azzurri atterrati a Rio de Janeiro, molti dei quali appartenenti ai gruppi sportivi delle Forze Armate e della Polizia di Stato. La prima medaglia della spedizione azzurra arriva da Rossella Fiamingo (Forestale), che conquista l’argento nella spada. È Fabio Basile (EI - foto in fondo) a regalarci, invece, il primo oro, il 200simo nella storia italiana alle Olimpiadi, nel judo categoria 66 kg. Nella stessa disciplina, categoria 52 kg, Odette Giuffrida (EI - foto apertura) si aggiudica l’argento.

Oro anche nel fioretto con Daniele Garozzo (Fiamme Gialle) e nell’Omnium con Elia Viviani, risultato che mancava all’Italia da ben sedici anni. Argento per Elisa Di Francisca (Fiamme Oro) nel fioretto individuale. Bronzo per Elisa Longo Borghini (Fiamme Oro) nel ciclismo su strada, per Tania Cagnotto (Fiamme Gialle) nel trampolino da 3 m e per Frank Chamizo (EI) nella lotta libera 65 kg.

Ma è nel tiro che l’Italia dimostra tutto il suo talento, arrivando a conquistare ben 7 medaglie: 4 ori - 2 di Niccolò Campriani (Fiamme Gialle), 1 di Diana Bacosi (EI) e 1 di Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) – e 3 argenti, rispettivamente di Chiara Cainero (Forestale), Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) e Marco Innocenti. A regalarci emozioni anche il nuoto con l’oro di Gregorio Paltrinieri nei 1500 m stile libero, l’argento di Rachele Bruni (EI) nel fondo (10 km) e i due bronzi di Gabriele Detti (EI - foto) nei 400 m e nei 1500 m stile libero.

L’Italia non è da meno nei giochi a squadre, dove dimostra di essere sempre presente e competitiva. Nella spada maschile, argento per Andrea Santarelli (Fiamme Oro), Marco Fichera, Enrico Garozzo (CC) e Paolo Pizzo (AM). Argento nel beach volley per Daniele Lupo e Paolo Nicolai, entrambi dell’Aeronautica Militare. Argento anche per la nazionale maschile di pallavolo e nella gara dei tuffi da 3 m con Tania Cagnotto e Francesca Dallapé (EI). Nella pallanuoto il Settebello vince il bronzo contro il Montenegro, mentre il Setterosa si aggiudica l’argento contro le campionesse americane. 2 i bronzi nel canottaggio: nel “2 senza” con Giovanni Abagnale (MM) e Marco Di Costanzo e nel “4 senza” con Matteo Castaldo, Giuseppe Vicino, Matteo Lodo e Domenico Montrone.

Per un’Olimpiade che si chiude, un’altra è quasi pronta per iniziare: quella del paralimpismo. Oltre 4300 gli atleti provenienti da 176 paesi che, dal 7 settembre e fino al 18, si sfideranno per i 528 titoli in palio. Oltre 100 gli azzurri che si cimenteranno nelle diverse discipline. Tra loro, oltre alla portabandiera Martina Caironi, anche Assunta Legnante, Alex Zanardi, Bebe Vio, Eleonora Sarti, Giusy Versace e Monica Contrafatto, quest’ultima appartenente al Gruppo Sportivo Paralimpico Difesa.

(foto: Difesa)

rheinmetal defence