crossXrace: disciplina senza età lungo percorsi incredibili

(di Andrea Cucco)
20/09/22

Quando si legge di competizioni civili svolte in aree militari, il pensierò - per chi, come il sottoscritto, ha i suoi anni... - va immediatamente ai tempi del servizio militare in cui ci si lanciava da una torre, si affrontavano ostacoli, si strisciava a terra o nel fango e si sudava sotto ad un muro nel tentativo di scavalcarlo.

Da molti anni le crossXrace sembrano offrire la possibilità di riprovare o scoprire da zero attività ed emozioni sane e, per quanto dure, entusiasmanti.

Per comprenderne la genesi e qualche dettaglio in più abbiamo incontrato Franco Stovali, il presidente dell'associazione che organizza gli eventi.

Cosa significa crossXrace?

È l'acronimo della disciplina, una corsa podistica campestre con ostacoli: cross-campestre, X-ostacolo, race-corsa.

Quando le è venuta l'idea?

Da giovane (64 anni), vado a trovare mio figlio in California e lui mi fa una sorpresa: “Papà, ti ho iscritto ad una Spartan Race da fare insieme!”

Ovviamente sapeva che l’avrei potuta affrontare in virtù dei miei continui allenamenti, così come quelli che mi avevano portato a praticare più di 10 discipline diverse nell’arco della mia vita.

La gara (foto seguente), in presenza anche di Marines quali assistenti, mi ha conquistato completamente: ho intravisto in questa, il connubio di tutti gli atti motori praticati singolarmente nelle altre discipline.

Avvalendomi in famiglia di figli e nipoti sportivi, tornato a Roma, abbiamo costituito una ASD (Associazione Sportiva Dilettantistica, ndr) ed, anche in virtù di trascorsi lavorativi con la Difesa (ingegnere con Nulla Osta Segretezza), abbiamo ricevuto un mandato dallo stato maggiore dell'Esercito per organizzare questo tipo di eventi in Comprensori Militari, oltre che in aree demaniali civili.

La Xample Sport asd, brand crossXrace si avvale dell'Ente Promozionale Sportivo Libertas riconosciuto dal CONI per tutti gli atti organizzativi.

Ad oggi, con l’esperienza di più di 20 eventi organizzati dalla crossXrace in Italia (1 anche in Francia), per grandi e giovani, civili e militari, abbiamo preso atto della genesi di tale attività improntata da un militare francese dal nome Hebert che, con questo disegno di ostacoli di circa1 secolo fa (immagine seguente), introdusse nel settore militare un addestramento che riportava all’atto motorio naturale. Nel1987 mr. Mouse (anche lui ex-militare inglese) iniziò ad organizzare eventi che riportavano a questo tipo di disciplina: corsa podistica campestre con ostacoli naturali ed artificiali.

L’avvento delle "Spartan Race" dal 2010 e di moltissime altre organizzazioni sotto il nome internazionalmente riconosciuto della Disciplina quale OCR , ovvero "Obstacle Course Racing", hanno portato ad una crescita di partecipanti a livello mondiale (oltre 10 milioni), superiore a quelli che partecipano alle maratone.

L'accoglienza è stata subito positiva?

Più che positiva se la crossXrace ha sperimentato/organizzato una varietà di eventi in palcoscenici difficilmente riscontrabili in altre realtà.

Dai siti militari, ove mai prima i civili avevano potuto misurarsi come la Scuola di Fanteria di Cesano, il campo addestrativo del comando artiglieria controaerei di Sabaudia, il campo addestrativo militare Bonivento della Cecchignola, oltre ad Ovindoli, Cittareale per solidarietà ai terremotati d'Abruzzo, Castel di Decima, The Camp a borgo Montello-Lt, Antibes in Francia.

Il 1 ottobre, nel Poligono di Tiro di Torre di Nebbia presso l'Altipiano delle Murge ci sarà un nuovo evento.

Oltre a quanto detto organizziamo un numero considerevole di workshop, open days, work-out, anche in piazze o luoghi storici, corsi di formazione.

Il tutto, assieme all'attuale gestione del campo addestrativo della Cecchignola a Roma, aperto anche ai civili per allenamenti, ha contribuito alla crescita della disciplina.

Quali e quanti appuntamenti organizzate durante l'anno?

La tipologia di eventi è e continuerà a riportare un'impronta che coniuga i circuiti OCR variegati e mai eguali da una edizione all'altra, seppur nelle stesse località, con quelli standard militari presenti in tutta Italia (CAGSM e CISM) attraverso un modello sperimentato sin dal 2018 a Cesano. Tale modello assegna la vittoria nella gara che si effettua nei circuiti militari standardizzati - CAGSM (450mt con 17 ostacoli) presenti in quasi tutti i comandi, preceduti da una gara OCR atta a determinare la "griglia di partenza" nella gara successiva, appunto da tenere sul CAGSM. Ciò permetterà anche di ottenere un termine di paragone sui tempi riscontrati in un campo standard, tali da poter proclamare i vari record (come avviene, per l'appunto, nei campionati mondiali militari ove, ad esempio, il record del circuito CISM - 500mt con 20 ostacoli - è detenuto da un atleta cinese con lo strabiliante tempo di 2'09").

Chi può partecipare?

La bellezza di questa disciplina è che permette a TUTTI di riprovare ciò che, con atti naturali, facevamo da piccoli: correre, saltare, strisciare, nuotare, lanciare, sollevare, arrampicarsi, spingere, ruzzolare, rimanere in equilibrio..., scegliendo di partecipare individualmente o in gruppo (in tal caso, tutti per uno, uno per tutti e ci si può anche aiutare!).

La percentuale tra civili e militari?

A questi eventi partecipano in maggioranza civili che, togliendo la cravatta o la gonna, si rimettono in gioco! A volte senza neppure badare a quello che indossano...

I militari, seppur in minoranza, si stanno approcciando sempre più a questa disciplina e... dai risultati... si fanno notare. Il gentil sesso (circa il 20%) sta aumentando notevolmente in percentuale, avvicinandosi sempre più alle prestazioni maschili. È purtroppo ancora ridotta la partecipazione dei più giovani.

Qualche infortunio è mai avvenuto?

Gli infortuni, lo sappiamo, sono una concausa nello sport (come nella vita normale purtroppo), ed in questa disciplina, ovviamente, non ne siamo esenti nonostante vengano rispettate e prese tutte le precauzioni (la fruizione di mezzi e strutture militari ci garantiscono ovviamente una più ampia garanzia).

Negli 8 anni di operatività, con migliaia e migliaia di partecipanti, la crossXrace ha visto comunque l'intervento dell'ambulanza non più di 5 volte e 3 soli ricoveri. Tutti gli eventi sono rispettosi dei protocolli dettati dall'EPS Libertas riconosciuta dal CONI (assicurazione RCT compresa).

Quanto costa partecipare?

I prezzi d'iscrizione sono, ovviamente, legati ai costi ed al margine (che ci deve essere in ogni evento, salvo solidarietà). Per giocare una partita di calcio (e qui banalizzo...ma...), con 1 pallone, 1 arbitro ed 2 guardalinee fai la partita. Questa disciplina prevede che tu debba costruire ostacoli, trasportare, assemblare, disassemblare, ritrasportare, immagazzinare ed assicurare che vi sia almeno 1 assistente ad ogni ostacolo (50-100 persone ad evento). Ne deriva che i prezzi siano proporzionali a tutte queste spese.

I prezzi, mediamente, si aggirano sui 50€ ma variano in accordo alle tante variabili che si possono trovare visitando il sito www.crossxrace.it

La principale raccomandazione che dà ad ogni evento?

Nessuno di noi sapeva andare in bici ad 1 anno, poi ci siamo allenati ed ora, anche se non abbiamo più pedalato da tanto tempo, la riprendiamo e possiamo fare un giretto. Ma se volessimo vincere il giro d'Italia, allora gli allenamenti sarebbero ben altra cosa...

Abbiamo accennato alla naturalità di tale disciplina e così è, ma vanno comunque "riesumate" quelle gesta che eventualmente sono rimaste nel cassetto per anni. In queste gare misuri il tuo limite. Se non riesci a superare un ostacolo non sarai mai squalificato: il giudice d'ostacolo controllerà che tu esegua la penalità temporale stabilita nel Regolamento di gara e poi riprendi il percorso.

Gli allenamenti hanno la loro valenza ed in questo caso crossXrace ti attende per allenarti nell'eccellenza italiana dell'unico Campo italiano Addestrativo Militare CISM della Cecchignola Roma. Lo stesso in cui normalmente si allena la Nazionale Italiana del Pentathlon militare.

Foto: crossXrace

rheinmetal defence