Libano: continua il supporto medico alla popolazione

(di Stato Maggiore Difesa)
04/07/22

Continuano le attività di supporto sanitario (MEDICAL CARE) che il contingente italiano in Libano porta avanti in favore della popolazione locale.

Nei giorni scorsi, infatti, sono state svolte altre tre attività nelle municipalità di Zibqin, Tayr Harfa e Kunin appartenenti all’area di operazioni a guida Italiana, nel corso delle quali sono stati 155 (48 uomini, 70 donne e 37 bambini) i pazienti visitati dai Team Medici italiani.

A premessa delle attività sanitarie sono state donate: 2.000 mascherine FFP2, 2.000 mascherine FFP1, 1900 mascherine chirurgiche, 64 tute protettive, 5.000 guanti in vinile, 2.000 guanti in nitrile e 30 litri di gel disinfettante. Il materiale mira a sostenere e aiutare le Autorità locali nella gestione dell’attuale periodo di emergenza sanitaria da COVID 19.

Le “Medical Care” rientrano tra le attività previste dalla risoluzione 1701 delle Nazioni Unite, nel quadro del supporto alla popolazione locale. Nello specifico, i team medici si muovono “a domicilio” per prestare supporto sanitario di medicina generale alle municipalità sprovviste di un presidio sanitario pubblico e sono composti da medici e infermieri dell’Esercito Italiano inquadrati nel comando del Sector West di UNIFIL e in ITALBATT, il battaglione di manovra su base reggimento lagunari “Serenissima”.

La missione Italiana in Libano è attualmente a guida brigata di cavalleria “Pozzuolo del Friuli”, al suo sesto mandato nella “Terra dei Cedri” con i colori delle Nazioni Unite, e ha la responsabilità del Settore Ovest di UNIFIL in cui operano 3800 Caschi Blu di 16 dei 46 paesi contributori alla missione ONU e di cui fanno parte circa 1.000 militari italiani.

Le attività svolte in Teatro Operativo sono condotte sotto il coordinamento e secondo le direttive impartite dal Comando Operativo di Vertice Interforze (COVI), guidato dal generale di corpo d’armata Francesco Paolo Figliuolo.