Afghanistan: Avvicendamento alla direzione del CAI-I

16/07/15

Nei giorni scorsi, il colonnello dell’Aeronautica Nicola Sebastio ha ceduto la direzione del Centro Amministrativo d’Intendenza Interforze (CAI-I) al parigrado Fabrizio Babusci. Alla cerimonia era presente il generale di brigata Michele Risi, comandante TAAC-W (Train Advise Assist Command West) e del contingente nazionale su base Brigata “Julia”.

Il colonnello Sebastio (foto apertura) lascia la Direzione del CAI-I a conclusione di un impegnativo esercizio finanziario, svolto nel delicato momento del passaggio dalla missione ISAF ad RS, reso ancor più complesso in previsione della definitiva chiusura della missione in Afghanistan, in cui ha dato pieno supporto alle esigenze del contingente impiegato in teatro operativo, offrendo al contempo un considerevole contributo alla stabilizzazione e allo sviluppo del tessuto economico-sociale dell’area di Herat, anche grazie all’alta professionalità di tutto il personale dipendente.

Nel suo discorso di commiato, il colonnello Sebastio ha ringraziato il proprio personale per la professionalità dimostrata, in un periodo di transizione delicato, in cui tuttavia l’attenzione al personale ed alle sue esigenze è sempre stata massima. 

Il generale Risi ha salutato il colonnello Sebastio con questo pensiero: "…hai fornito un contributo sempre prezioso per la finalizzazione delle molteplici questioni di carattere amministrativo. L’attività svolta dal CAI-I è risultata fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi assegnati al Contingente. Il CAI-I ha dato prova di compattezza e spirito di squadra comprendendo appieno, sotto la tua guida, l’importanza della condivisione degli intenti e degli obiettivi…”. 

Il Centro Amministrativo d'Intendenza – Interforze, costituito nel 1° giugno 2007, è posto alle dirette dipendenze del comandante di Contingente Nazionale, e garantisce supporto amministrativo al contingente nazionale schierato in Afghanistan, nel pieno rispetto delle normative vigenti.

Fonte: Ministero della Difesa

rheinmetal defence