Termina il 14° corso per “consulenti in affari giuridici e contenzioso 2021-2022”

(di Marina Militare)
29/07/22

Mercoledì 27 luglio 2022 alle ore 17.45, presso la sede dell’Avvocatura Generale dello Stato, alla presenza del capo ufficio generale del Centro di Responsabilità Amministrativa della Marina Militare, ammiraglio ispettore Pietro Covino, e dell’avvocato generale dello Stato, avv. Gabriella Palmieri Sandulli, ha avuto luogo la cerimonia di chiusura del 14° corso per "consulenti in affari giuridici e contenzioso 2021-2022".

L’iniziativa, frutto della longeva cooperazione tra la Marina Militare e l’Avvocatura Generale dello Stato, è incentrata sulla preparazione tecnico-pratica in materia legale e contenzioso degli ufficiali di Marina del corpo di commissariato Militare Marittimo. Scopo dell’iter formativo: fornire idonee e concrete risposte alle variegate esigenze legate alle molteplici problematiche di natura giuridica, assicurando alla Forza Armata competenze professionali qualificate per la stesura di atti e pareri legali e per l’aggiornamento dottrinario e giurisprudenziale dello strumento aeronavale.

I tre ufficiali commissari frequentatori (il tenente di vascello Annalisa De Mizio, il sottotenente di vascello Alice Russo – che ha preso parte alla cerimonia in collegamento da missione estera – e il sottotenente di vascello Sharon Votta), assistendo ad udienze in ogni grado di giudizio e presso tutte le giurisdizioni, ivi comprese la Corte Costituzionale e la Corte di Cassazione, hanno fornito il proprio contributo nella redazione di memorie difensive, utili anche alla disamina di rilevanti casi giudiziari per l’Amministrazione Difesa.

Alla luce di un accordo con il Consiglio Nazionale Forense, i sette mesi di formazione sono conteggiabili nel computo della pratica forense, necessaria per sostenere l’esame di Stato per l’abilitazione alla professione legale. Il titolo acquisito al termine del corso, peraltro, risulta propedeutico alla concessione della qualifica di "LEGAD/MAR - Questioni legali", per il successivo impiego negli uffici di consulenza legale su tutto il territorio nazionale.

L’atmosfera in cui si è tenuta la cerimonia è stata caratterizzata da un tangibile entusiasmo, non solo da parte degli ufficiali frequentatori, ma anche da parte dell’avvocato generale, che ha espresso grande soddisfazione rispetto ai risultati conseguiti durante l’iter formativo, evidenziando come tale progetto rappresenti il frutto di una estremamente proficua collaborazione tra l’Avvocatura Generale dello Stato e la Marina Militare, in cui si delinea un clima di profonda e autentica sinergia, positiva per entrambe le Istituzioni coinvolte. Tra le considerazioni finali della cerimonia l’avvocato generale ha infine osservato che, per quanto fosse semplice notare la presenza, per l’A.A. 2021/2022, di corsiste esclusivamente donne, non bisogna considerare tale aspetto come elemento di valutazione del lavoro svolto. Ha infatti sottolineato: "il merito è una questione di capacità, non di quote di genere".