Accadde il 18 aprile 1889: L’avviso Rapido partecipa alla repressione della tratta degli schiavi

18/04/14

avviso Rapido (comandante, capitano di fregata Carlo Amoretti) partecipa unitamente a unità britanniche e germaniche al blocco delle coste dell’Africa orientale per la repressione della tratta degli schiavi. La missione avrà termine il 30 agosto con il rimpatrio dell’unità.

[Gli inglesi già nel 1862 riuscirono a far firmare un trattato al sultano di Zanzibar per abolire la schiavitù. Questo atto formalizzò ma non risolse il flusso di schiavi.

Si ottennero dei lievi risultati quando, nel 1873, fu firmato un trattato tra i sultani di Muscate (Oman) e di Zanzibar che proibiva la schiavitù con l’eccezione di quelli di proprietà personale del sultano. Questo fatto portò alla preoccupazione, soprattutto da parte del sultano di Zanzibar, di vedere ridurre l’economia locale, pertanto non venne pienamente attuato quanto concordato e la marina inglese, a distanza di un mese impose il blocco navale che fu seguita dalla Germania nel 1888 e successivamente dall’Italia.

La schiavitù fu definitivamente abolita a Zanzibar nel 1897]

Fonte: Marina Militare

rheinmetal defence