Il Memorandum d’intesa Italia-ONU per la Pace e aiuti umanitari

28/02/23

Stamani il sottosegretario di stato alla difesa Matteo Perego di Cremnago ha incontrato, a Roma, il sottosegretario generale UN Atul Khare.

L’incontro è avvenuto dopo un recente tavolo tecnico MAECI-Difesa-ONU, in merito alle aree concesse in uso esclusivo presso il sedime dell’Aeronautica Militare di Brindisi e San Vito dei Normanni.

Durante il tavolo tecnico è stata riconosciuta la necessità di consentire una più agevole gestione dei siti da parte ONU ed il MAECI proporrà un nuovo testo dell’intesa già esistente tra Italia e Nazioni Unite che potrà impiegare installazioni civili e militari del Paese per il sostegno di operazioni di mantenimento della pace e umanitarie in particolare in riferimento alla Base aerea di Brindisi e la base di San Vito dei Normanni (BR).

“Il Global Field Support Strategy di Brindisi e il suo gemello di Valencia sono unici al mondo come centri servizi globali (UNGSC)” afferma Perego “da cui dipende l’intera logistica delle operazioni di mantenimento di pace e delle missioni politiche speciali delle Nazioni Unite”

“È un valore aggiunto rispetto ad altre strutture ONU nel mondo” conclude Perego “in una posizione strategica, quella Brindisina, con porto, aeroporto, ferrovia e le risorse umane necessarie, un pregio che questa realtà sia in Italia, un paese che assicura sempre, a tutti i livelli, un convinto sostegno alle Nazioni Unite”.