NATO Defense College, gli ufficiali del Senior Course in visita a Pratica di Mare

(di Aeronautica Militare)
09/10/20

Lunedì 5 ottobre l’aeroporto militare “Mario de Bernardi” di Pratica di Mare ha ricevuto la visita degli ufficiali frequentatori del Senior Course del NATO Defense College, il principale istituto di formazione accademica dell’Alleanza che ha la sua sede presso la cittadella militare della Cecchignola a Roma.

Il Senior Course, la più importante attività accademica organizzata dal NATO Defense College, è indirizzato agli ufficiali superiori ed ai paritetici dipendenti civili dell’Alleanza, provenienti dai paesi dell’area Euro-Atlantica o da paesi con i quali la NATO ha instaurato rapporti di cooperazione e partnership.

La delegazione internazionale, guidata dal lieutenant general Olivier Rittimann, comandante del NATO Defense College, è stata accolta e accompagnata, nelle varie fasi dell’evento, dal comandante del Centro Sperimentale di Volo e del Comando Aeroporto, generale di divisione Aerea Mauro Lunardi, e dai comandanti del Reparto Sperimentale di Volo (Reparto dipendente dal Centro Sperimentale di Volo) del 14° stormo e dal direttore del Centro Interforze Telerilevamento Satellitare (Ente interforze dipendente dallo Stato Maggiore della Difesa). La delegazione ha potuto conoscere da vicino la complessa realtà operativa rappresentata dall’aeroporto romano.

Alle presentazioni generali sulle attività svolte dai singoli reparti interessati dalla visita (Reparto Sperimentale di Volo, 14° stormo e CITS) a cura dei rispettivi comandanti (colonnello Igor Bruni, colonnello Federico Merola e colonnello Gianluigi Attingenti) e da ufficiali relatori esperti nelle singole attività illustrate, si sono alternate brevi visite presso i laboratori e le linee di volo del Reparto Sperimentale di Volo e del 14° stormo.

Oltre alle istituzionali attività dei vari reparti visitati, particolare interesse hanno suscitato le attività svolte dall’RSV e dal 14° stormo durante l’emergenza epidemiologica in corso, quali l’adattamento delle maschere facciali da snorkeling per trasformarle in dispositivi di protezione dedicati al personale medico e sanitario, la certificazione tecnico operativa dei velivoli utilizzati per i trasporti in alto-biocontenimento, l’effettuazione di tali trasporti ed il rimpatrio di connazionali da zone ad alto rischio.

La visita ha incontrato l’apprezzamento e il vivo interesse degli Ufficiali italiani e stranieri presenti, sentimenti riassunti nelle parole del generale Rittiman che, nel ringraziare per l’ospitalità e l’accoglienza ricevute, ha sottolineato l’importanza di tali momenti formativi in quanto forniscono ai frequentatori la possibilità di avere prospettive differenti, di conoscere realtà così complesse come quella dell’aeroporto di Pratica di Mare, sia dal punto di vista organizzativo che da quello tattico.