La cooperazione tecnico-militare russo-venezuelana

19/01/15

I primi accordi per la cooperazione tecnico- militare tra il ministero della difesa Venezuelano e la Russia iniziarono nel 2005 tramite la società statale russa Rosoboronexport, unica agenzia intermediaria statale russa, responsabile del mercato import/export dei prodotti dual-use, delle tecnologie e dei servizi per la difesa a largo spettro.

Come ampiamente sottolineato, in questi giorni, dalle varie testate giornalistiche italiane e internazionali, il paese latinoamericano conserva, attualmente, il primato di importatore di armi di fabbricazione russa.

Nel 2005, l‘Esercito Venezuelano ha ricevuto 100.000 Kalashnikov AK-103 mitragliatrici che hanno sostituito i fucili di provenienza belga utilizzati fin dagli anni ‘50 (FAL, ndr). Tra il 2006 e 2009 è iniziata invece la fornitura russa degli elicotteri russi Mi-26, Mi-35 e Mi-17 di 53 mezzi, 24 caccia Sukhoi Su-30MK2 per 1.500 milioni di dollari e della difesa antiaerea Tor- M1, per un valore di 290 milioni di dollari.

Risale a cinque anni fa l'accordo per un prestito al paese sudamericano di 2.200 milioni di dollari, per l‘acquisto di equipaggiamento tecnico russo, ossia 11 complessi di difesa antiaerea Pechora-2M, 2 complessi S-300VM e 3 Buk-M2EK, 92 carri armati T- 72B1V, lanciarazzi BM-21 Grad e BM-30 Smerch.

Prima della sua morte, il presidente Venezuelano Hugo Chavez che ha preceduto l‘attuale Nicolas Maduro, siglò assieme a Vladimiri Putin, 31 accordi e contratti per la cooperazione tra il Venezuela e la Russia. L’obiettivo di questi accordi varia dallo sfruttamento della principale risorsa energetica del Venezuela, il petrolio (Faja Petrolifera del Orinoco ), alla creazione di un complesso aeronautico (51% capitale venezuelano e 49% russo) per rinnovare il parco aerei del Venezuela e altri paesi dell’America Latina, allo sviluppo di progetti industriali, tra cui un progetto per la costruzione della prima centrale atomica in Venezuela .

Questi accordi, oltre a quelli di natura militare, includono la cooperazione energetica, scientifica, tecnologica, umanitaria, educativa, culturale, agricola, e quella dei trasporti e l’industria della pesca.

Il loro obiettivo strategico è espressione dei nuovi interessi geopolitici e geostrategici, utili alla Russia per contrastare le influenze economiche degli Stati Uniti e quelle crescenti della Cina nell’aerea.

Maria Grazia Labellarte

Fonte: venezueladefensa

rheinmetal defence