Continua l'intercettazione di velivoli russi

10/11/14

Due CF-18 Hornet rischierati in Lituania per la missione di Air Policing della NATO, hanno intercettato e scortato un aereo russo ‘Ilyushin Il-20 Coot’, al largo della costa del Mar Baltico. La notizia è stata ripresa da tutti i media canadesi, come il Toronto Sun.

Secondo quanto riportato dalla stampa canadese, i caccia stavano compiendo una missione di addestramento, nel primo pomeriggio di sabato scorso, quando hanno ricevuto l’ordine di intercettare il velivolo russo. Gli Hornet hanno raggiunto l’Elint russo in pochi minuti anche se il punto dell’intercettazione non è chiaro. Secondo alcuni organi di stampa, l’intercettazione sarebbe avvenuta nello spazio aereo della Lituania. Secondo altri media, invece, l’aereo spia russo volava nello spazio aereo internazionale a ridosso dei confini lituani.

Gli Hornet canadesi hanno scortato il velivolo russo per cinque minuti, scattando anche delle foto che non sono state ancora rilasciate, prima di ritornare presso la base di Siauliai.

L'aereo spia ‘Ilyushin Il-20 Coot’ è il velivolo russo più intercettato dai caccia della NATO nella regione del Baltico e l’episodio di sabato scorso è soltanto l’ultimo in ordine di tempo dopo quello del 20 e del 21 ottobre scorso. In quest’ultimo caso, furono gli F-16 portoghesi a decollare dalla base di Siauliai per intercettare un ‘Coot’.

La partecipazione del Canada è una dimostrazione di solidarietà agli alleati e dedizione alla NATO - ha commentato il ministro della Difesa nazionale Rob Nicholson - siamo estremamente orgogliosi dei nostri uomini e delle nostre donne in Lituania, che si trovano a fianco dei nostri alleati della NATO. I nostri piloti sono tra i migliori al mondo e la Royal Canadian Air Force è pronta per qualsiasi sfida.

La Royal Canadian Air Force vola attualmente sui CF-18 anche sui cieli dell'Iraq in missioni di bombardamento contro l’ISIL.

Franco Iacch

(foto:Royal Canadian Air Force)

rheinmetal defence