Cosa è l’Uranio Impoverito (DU)?

16/02/15

Da anni ed anche recentemente in molti parlano di Uranio Impoverito affrontando le tematiche spesso estremizzando i concetti e proponendo una realtà non sempre congrua con l’effettiva natura e pericolosità del materiale in esame.

La Comunità internazionale da tempo si interessa al problema con studi e testimonianze approfondite in parte raccolte sul web da chi scrive cercando di fornire ogni possibile informazione che aiuti a comprendere su basi reali l’effettiva natura di quella che potremmo chiamare una minaccia della guerra moderna (v.link).

L’argomento è stato oggi trattato in maniera molto chiara e semplice dal dott. Stefano Montanari che fa ricerca medica dal luglio del 1972 occupandosi anche all’estero di studi nel campo della  emodialisi, della cardiochirurgia e della chirurgia vascolare in Svezia, in USA, in Gran Bretagna, in Francia e nei Paesi Bassi.

Uno studioso che ha anche ideato e perfezionato apparecchiature e protesi nei settori della chirurgia vascolare, della cardiochirurgia, della cardiologia e della chirurgia generale.

Insieme alla moglie, la dott.ssa Antonietta Gatti, si occupa da anni di nanopatologie e dal 2004 è direttore scientifico del Laboratorio Nanodiagnostics (ricerca in campo nanopatologico e ambientale). Gestisce anche un blog che tratta varie tematiche (www.stefanomontanari.net) che merita di essere visitato.

Uno scienziato noto ed apprezzato in ambito nazionale ed internazionale che contribuisce da almeno dieci anni agli studi sugli effetti nocivi sulla salute umana  dell’Uranio Impoverito (DU) e sapendo quanto ho a cuore il problema, ha voluto pubblicare il suo scritto nel mio blog e di questo gli sono grato. Ha proposto il problema con parole semplici (leggi articolo), proponendo il problema con parole semplici e chiare, come solo chi è profondamente esperto in un settore è in grado di fare.

Un’esposizione densa di significato scientifico sviluppata con l’ottica di uno scienziato profondo conoscitore delle nanopatologie, soprattutto per quanto attiene alle fonti inquinanti da polveri ultrafini.

Un pensiero  espresso in maniera semplice e chiara dal dott. Montanari che credo meriti di essere letto e  che  va ad aggiungersi alle iniziative in corso portate avanti dalla Campagna Internazionale per la messa a bando delle armi all’Uranio Impoverito. (http://www.bandepleteduranium.org/).

Fernando Termentini

rheinmetal defence