Il capo di SME in visita ai reparti di preparazione al supporto e combattimento

(di Stato Maggiore Esercito)
28/02/19

Ad un anno dal suo insediamento e dopo aver visitato già gran parte dei reparti dell’Esercito, il capo di stato maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Salvatore Farina, ha fatto visita ieri agli Enti presenti in Civitavecchia. L’alto ufficiale ha iniziato la sua visita istituzionale presso l'11° reggimento trasmissioni, unità di supporto alla manovra del comando trasmissioni dell'Esercito, dove il generale Farina ha svolto l’incarico di comandante del battaglione “Leonessa” dal 1 settembre 1995 al 5 settembre 1996.

Accolto dal comandante di reggimento, colonnello Pasquale Guarino e dal sottufficiale di Corpo, 1° luogotenente Paolo Farisei, il capo di stato maggiore, ha presenziato alla cerimonia dell'alzabandiera con tutto il personale dell’unità e rivolgendosi a loro ha sottolineato come i trasmettitori debbano essere orgogliosi di essere gli eredi e gli attori della bellissima realtà dell’Arma delle Trasmissioni che proprio 100 anni fa segnò con atti eroici l’inizio del proprio cammino.

L'11° reggimento deve essere altrettanto consapevole che, grazie al continuo impegno e al senso del dovere, si riuscirà, a contribuire alla difesa, alla sicurezza e al bene dell'Italia mantenendo fede al giuramento prestato.

Il generale Farina ha proseguito la visita recandosi presso il Centro di Simulazione e Validazione dell'Esercito (Ce.Si.Va.) dove, insieme al comandante, generale di divisione Roberto D’Alessandro, ha preso parte ad un briefing durante il quale sono state illustrate le principali attività in corso e future del Centro.

Nell’occasione è stato evidenziato come il Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito rappresenti, in ambito Forza Armata, il principale riferimento per l’applicazione della simulazione addestrativa e del “virtual training”, così come per la sperimentazione di sistemi integrati per l’addestramento terrestre (SIAT) e di quelli per la digitalizzazione del campo di battaglia nel contesto del più ampio programma della Difesa denominato “Forza NEC” (Network Enabled Capability).

Al termine del briefing, il capo di SME ha colto l’occasione per porgere il proprio saluto e apprezzamento a tutto il personale militare e civile per il lavoro svolto e per gli eccellenti risultati ottenuti, sottolineando come la sfida legata alla sempre più rapida evoluzione degli strumenti tecnologici, abbia permesso al Ce.Si.Va. di diventare un polo di eccellenza.

La visita del generale Farina si è conclusa nel pomeriggio presso il 7° reggimento Difesa (Nucleare, Biologica e Chimica (NBC) “Cremona”, comandato dal colonnello Fabrizio Benigni, dove ha avuto modo di apprezzare nel dettaglio i molteplici impegni e le eccellenti capacità di questa Unità specialistica dell’Esercito, che contribuisce al “soldato sicuro” attraverso le sue peculiarità, sia in operazioni fuori area, sia sul territorio nazionale e in supporto all'organizzazione di Difesa Civile in caso di eventi CBRN.

Il capo di SME ha quindi incontrato e salutato tutto il personale del reparto, esprimendo la propria piena soddisfazione per la professionalità e la competenza dimostrata nelle intense e costanti attività svolte quotidianamente.