Cambio al vertice del Comando Militare Esercito Piemonte

(di CME Piemonte)
10/11/17

Questa mattina, presso il circolo ufficiali dell’Esercito di Torino di Palazzo Pralormo, alla presenza del vice comandante delle truppe alpine per il territorio, generale di divisione Massimo Panizzi, e delle altre autorità civili e militari locali, si è svolta la cerimonia per l’avvicendamento del comandante del Comando Militare Esercito (CME) “Piemonte”.

Il colonnello Fulvio Marangoni, che rimarrà nella storia del Comando come il “primo” comandante del CME “Piemonte”, nato il 5 luglio 2016 dalla “riconfigurazione” del Comando Regione Militare Nord, lascia la guida del comando territoriale piemontese, dopo poco più di 16 mesi, al suo parigrado colonnello Andrea Mulciri, proveniente dal comando brigata alpina Taurinense, dove ha ricoperto l’incarico di capo di stato maggiore.

Il colonnello Fulvio Marangoni, nel suo intervento, ha dichiarato “desidero ringraziare il capo di stato maggiore dell’Esercito, generale di corpo d’armata Danilo Errico, il generale di divisione Massimo Panizzi, vice comandante del territorio del comando truppe alpine, qui presente, sia per la fiducia accordatami nel conferirmi un incarico cosi prestigioso sia per l’ampia libertà di azione concessami” - “Un grazie allo staff tutto, civile e militare, e ai miei familiari qui intervenuti a cui va tutto il mio riconoscimento ed affetto per il sostegno morale e materiale costantemente offerto”, e ha concluso il suo intervento augurando, al collega e amico colonnello Andrea Mulciri, di ottenere soddisfazioni e successi nel nuovo e prestigioso incarico.

Il colonnello Andrea Mulciri, nel suo discorso ha ringraziato tutti i convenuti e per le continue testimonianze di affetto nei confronti dell’Istituzione militare e ha espresso tutta la sua volontà di adoperarsi per assolvere a questo compito così importante - “Vi assicuro che con umiltà e spirito di servizio impegnerò tutto me stesso, ogni mia capacità ed ogni energia nell’assolvere questo importante compito”, e ha continuato dichiarando che “sono certo che sapremo mantenere alto il prestigio che da sempre caratterizza questo comando e incrementare i già ottimi rapporti esistenti tra la realtà militare, le istituzioni e la società che ci ospita ed alla quale siamo orgogliosi di appartenere”.

Il generale Massimo Panizzi a sua volta ha ricordato quanto il Piemonte, culla dell’Esercito Italiano, continui ad essere un territorio centrale per l’Esercito. “La brigata alpina Taurinense, il comando per la formazione e scuola di applicazione dell’Esercito, lo stesso Comando Militare Piemonte e gli altri Comandi, Enti e Reparti che insistono nella Regione, testimoniano la presenza importante della forza armata in quest’area e l’impegno nel mantenere vive le più pure tradizioni militari.

Il generale ha ringraziato il colonnello Marangoni per gli eccezionali risultati ottenuti nel corso della sua lunga carriera in Italia e all’estero e per lo straordinario impegno profuso nella gestione delle numerose e complesse attività territoriali portate avanti nel corso del suo mandato, sottolineandone la serietà, la totale dedizione al servizio e l’altissima professionalità mostrate, “tratti distintivi di un vero Soldato e di un moderno Dirigente”.