Reportage Palestina/Israele: la missione "Temporary International Presence in Hebron"
Osservare, monitorare le violazioni commesse dalle parti, fotografare le scene di violenza per potere costruire dei dossier sui quali mettere a confronto il governo israeliano e l...
Leggi
Derry Christmas! Le nuove leve dell'Ulster
Passano gli anni e il mondo globalizzato prova a congelare un altro pezzo di sé. Quale che sia la scelta di campo, la Questione irlandese rimane uno degli esempi più classici di...
Leggi
Nigeria, il Biafra si infiamma
Nuova sfida per il neo-eletto Presidente Buhari, che era riuscito a fronteggiare il fenomeno terroristico di Boko Haram isolandolo nelle sole regioni remote del nordest. Nelle...
Leggi
Israele e Palestina visti da Hebron. Cap.2: futuro possibile? (fine)
Più che un grande settlement ebraico Kyriat Arba è una sorta di seconda città. Un grandissimo residence che affianca il centro urbano. L’eccezione di Hebron rispetto ad altre...
Leggi
Libano: nella tana di Hezbollah
Per andare e tornare da Beirut a qualunque altra città del Libano ci vuole mezza giornata. Per la costa del nord i bus partono da Doura. Per l’Ovest o il mare del Sud, bisogna...
Leggi
Israele e Palestina visti da Hebron. Cap. 1: l’intifada dei coltelli.
Passa un fuoristrada della TIPH, la Temporary International Presence in Hebron. Schizza veloce in salita sfumando il suo colore bianco sullo sfondo dei palazzi. Ad un angolo...
Leggi
Albania-Serbia Cap.2: il Kosovo sospeso (fine)
Dalla cittadina serba di Raška, si capiscono tante cose. Innanzitutto che non bisogna dire la parola “border” con riferimento al Kosovo, distante 9 km a sud, lungo le curve del...
Leggi
Albania-Serbia Cap.1: la geopolitica nel pallone
Ci sono 100 metri tra il primo caffè sulla sponda nord e il ponte di Austerlitz, chiamato così dai francesi arrivati nel ‘99. Siamo a Mitrovica, precisamente a Kosovska Mitrovica...
Leggi
Azerbaigian tra energia e sicurezza. Cap.2
Che Russia e Azerbaigian abbiano dei legami profondi è un dato storico. Tra gli stessi azeri e per le strade di Baku la...
Leggi
Azerbaigian tra energia e sicurezza. Cap.1
Il tragitto che va dall’aeroporto al centro di Baku mostra l’evoluzione dell’Azerbaigian nelle ultime due decadi grazie...
Leggi
I Balcani e la cattiva coscienza - cap.3: L’Europa caduta (fine)
Da una parte i blocchi dell’ultima edilizia socialista, dall’altra il vetro dei palazzi istituzionali e le bandiere blu...
Leggi
I Balcani e la cattiva coscienza - cap.2: il silenzio che vale per tutti
Alla frontiera di Zupci, venendo dal Montenegro, si capisce bene: da qualunque parte si entri, la Bosnia è sempre...
Leggi
I Balcani e la cattiva coscienza - cap.1: la Bosnia inventata
Fino al ’91 Trieste era una porta e l’autostrada che andava oltre, tirava dritta senza sigle diverse. Puntava a sud...
Leggi
Dal fronte ucraino - cap. 5 (FINE): Gli uomini della guerra che non si racconta
L’Ucraina con la primavera fa meno notizia. La ripresa delle ostilità in grande stile non c’è stata. Va via la neve ma...
Leggi
Dal fronte ucraino - cap. 4: Gli accordi di Minsk visti da un carro armato
Strada tra Luhansk e Debaltsevo. È la parte nord del Donbass, ormai tutta filorussa. Davanti alla carcassa di un T 72,...
Leggi
Dal fronte ucraino - cap. 3: Di che Azov stiamo parlando?
Vetri rotti e muri sbrecciati. C’è più ordine tra le macerie dell’aeroporto di Donetsk che nelle menti occidentali...
Leggi
Dal fronte ucraino - cap.2: Un giorno a Donetsk
Dormire con la luce non è facile. Con i lampi dei mortai poi, ancora meno. Vibrano le finestre, sembra il fortunale. La...
Leggi
Dal fronte ucraino - cap.1: Bus Kramatorsk-Donetsk
Ore 6. Il biglietto si fa dall’autista, signore brizzolato che non ride da alcuni anni. Costa 150 grivnia, quasi 5 €....
Leggi

Pagine